Carobbio degli Angeli

Il SUAP


LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – SUAP

Il S.U.A.P. ha lo scopo di azzerare i tempi di definizione del procedimento amministrativo e ridurre gli oneri imposti alle imprese per la richiesta di autorizzazioni, licenze e permessi. Esso costituisce, per il richiedente, "l'unico punto di accesso" alla Pubblica Amministrazione in relazione  a tutte le vicende riguardanti la sua attività produttiva" trasmettendo, mediante inoltro automatico, la necessaria documentazione a tutte le altre Amministrazioni coinvolte nel procedimento, quali ad esempio Upl, Asl,  Arpa ... affinché queste provvedano a rilasciare il proprio parere e/o nulla osta di competenza.
 Il SUAP è istituito presso il Comune, con competenza territoriale al comune stesso. Esso semplifica i rapporti tra l'imprenditore e la Pubblica Amministrazione con l'obiettivo di attivare una "IMPRESA IN UN GIORNO."  Infatti segue l'iter della pratica, rendendo visibile all'interessato- mediante l'applicativo comunale-  lo stato di avanzamento della medesima e verificando il rispetto dei tempi fissati dalla normativa, in modo da pervenire al rilascio del Provvedimento Unico entro i termini di legge.
Lo Sportello Unico Attività Produttive  si  rivolge sia alle imprese già costituite, ovvero soggetti già iscritti al Registro Imprese, sia a quelle che, intendendo iniziare la propria attività, trasmetteranno la “Comunicazione Unica” al Registro Imprese contemporaneamente all’istanza allo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) del Comune.    Il  presente applicativo fornisce informazioni e permette di creare la pratica da inoltrare al SUAP del comune di Carobbio degli Angeli. Per tutto quanto attiene invece  la Comunicazione Unica da trasmettersi al Registro Imprese si rimanda all’apposito sito della Camera di Commercio.

 Il SUAP opera secondo due tipologie di procedimenti: ordinari (art.7 del DPR 160/2010) e automatizzati (art.5 del DPR 160/2010) per tutte le attività soggette alla disciplina della SCIA, ovvero le attività regolate dall'art. 19 della Legge 241/1990 e s.m.i.
 

COSA E' POSSIBILE FARE  PRESSO LO SPORTELLO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE:

• acquisire informazioni generali sulle diverse attività
• acquisire la modulistica necessaria e relativi allegati
• presentare istanze e/o documenti
• predisporre i documenti
• monitorare lo stato di avanzamento del proprio procedimento
• ritirare gli atti autorizzativi
• esercitare il diritto di accesso ai documenti amministrativi inerenti i procedimenti sopra indicati, secondo l
e normative vigenti in materia


ATTIVITA’ INTERESSATE

Il D.P.R. n. 160 del  2010  individua lo Sportello Unico per le Attività Produttive – SUAP- quale unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l’avvio,  la trasformazione, l'ampliamento o il trasferimento, nonchè la cessazione o riattivazione di attività produttive, commerciali, artigianali e di prestazione di servizi.  Rientrano in questa fattispecie le attività industriali, agricole, commerciali e artigiane, le attività alberghiere, i servizi resi alle banche e dagli intermediatori finanziari, i servizi di telecomunicazioni.  Sono esclusi dall’ambito di applicazione del D.P.R. n. 160 del 7 settembre 2010, gli impianti e le infrastrutture energetiche, le attività connesse all’impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti e di materie radioattive, gli impianti nucleari e di smaltimento di rifiuti radioattivi, le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, nonché le infrastrutture strategiche e gli insediamenti produttivi di cui agli articoli 161 e seguenti del D.lgs 12 aprile 2006, n. 163.


MODALITA’ DI TRASMISSIONE DELLE PRATICHE 
  
                                                                                                                               
Il D.P.R. n. 160/2010 stabilisce che l’avvio, la trasformazione, l'ampliamento o il trasferimento, nonchè la cessazione o riattivazione di un'attività commerciale, di prestazione di servizi, artigianale o produttiva deve avvenire ESCLUSIVAMENTE in modalità TELEMATICA; ovvero ogni "pratica ordinaria" e ogni Segnalazione Certificata “SCIA”composta dalla modulistica compilata e dai relativi allegati - non può essere presentata in forma cartacea allo sportello SUAP (neanche in caso di invio per posta o per fax). Le pratiche presentate in modalità tradizionale, per legge, saranno considerate irricevibili e quindi non produrranno alcun effetto giuridico. Il presente applicativo fornisce agli utenti informazioni e modulistica per tutte le attività produttive e di servizi che si intende avviare, modificare o cessare; inoltre consente agli operatori di compilare informaticamente le pratiche,  allegarle previa firma digitale  e  integrare se necessario con allegati. L'interessato dovrà quindi, previa registrazione al portale SUAP, accedere alla modulistica indicata per la specifica attività, nella sezione “Informazioni e avvio pratiche,” compilarla e firmarla digitalmente. Il sistema verifica per ogni procedimento che si vuole avviare la completezza formale dei documenti e degli allegati predisposti dall’utente; poi restituisce via posta elettronica la pratica completa alla mail del mittente, il quale deve provvedere ad inoltrarla all’ufficio competente in base al contenuto dell’istanza. Ovvero al:
  SUAP comunalesuap@pec.comune.carobbio.bg.it
nel caso in cui la SCIA non contenga informazioni e notizie per le quali è prevista la comunicazione al Registro delle Imprese, e nel caso di altre comunicazioni dirette solo al SUAP ;

al Registro Imprese della Camera di Commercio:
nel caso la SCIA sia contestuale alla Comunicazione unica.
In tal caso è possibile predisporre la pratica 
in modalità telematica presso il Registro Imprese attraverso il sistema "ComUnica"della Camera di Commercio, che la trasmetterà immediatamente al Suap comunale. L'applicativo Starweb di Comunica è in grado di consentire l'allegazione della pratica SUAP predisposta con il presente portale (si consiglia di procedere allegando singolarmente i file contenuti nel pacchetto zip in quanto si creano meno problemi di compatibilità tra gli applicativi).


  
  N.B: Per tutti i casi in cui linvio al SUAP della SCIA debba essere contestuale all’invio alla Camera di Commercio di Bergamo della eventuale pratica di loro competenza si invita a consultare il  sottostante sito della Camera di Commercio di Bergamo per verificare gli adempimenti necessari e le relative modalità di inoltro.
 www.bg.camcom.gov.it/suap

  

CHE COSA E' LA SCIA

La SCIA - Segnalazione Certificata di Inizio Attività che in Lombardia era conosciuta come DIAP - è la dichiarazione che consente di iniziare, modificare o cessare un'attività produttiva (artigianale, commerciale, industriale), senza dover più attendere i tempi e l'esecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti.
La SCIA, nella rinnovata formulazione dell'art. 19 della legge 241/90, produce infatti effetti immediati.
In base al nuovo regime, la dichiarazione dell'imprenditore sostituisce quelle autorizzazioni, licenze o domande di iscrizioni non sottoposte a valutazioni discrezionali o al rispetto di norme di programmazione e pianificazione, così come di vincoli ambientali, paesaggistici, culturali, ecc. Ricorrendo tali presupposti, alle imprese sarà sufficiente presentare il relativo modello SCIA, correttamente compilato e completo in ogni sua parte per avviare la propria attività. Infatti la risposta telematica di avvenuta consegna costituisce titolo per l'avvio dell'attività.
Per consentire lo svolgimento dei controlli successivi da parte degli uffici ed organi di controllo a ciò preposti, la pratica deve essere corredata delle prescritte autocertificazioni circa il possesso dei requisiti morali e professionali (quando richiesti per lo svolgimento di determinate attività) e all'occorrenza, devono anche essere allegati gli elaborati tecnici e planimetrici.
E' importante sottolineare che ogni Amministrazione Pubblica destinataria di una SCIA dovrà accertare, entro 60 giorni dal ricevimento, il possesso e la veridicità dei requisiti dichiarati, adottando, in caso negativo, i dovuti provvedimenti per vietare la prosecuzione dell'attività e sanzionare, se necessario, l'imprenditore che si fosse reso responsabile delle dichiarazioni mendaci. 


     
MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA S.C.I.A.

L'interessato può presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività:

  • in forma assistita:
In tal casol'imprenditore che non desidera presentare autonomamente la S.C.I.A. perché non è dotato di firma digitale, di PEC oppure perché non è pratico delle procedure informatiche, può avvalersi :
• della propria Associazione di Categoria
• del proprio Professionista di fiducia (esempio Commercialista ecc.)
• di un’Agenzia per le Imprese,
In ogni modo deve SEMPRE farsi assistere da intermediari qualificati, a cui conferire apposita procura di cui al Burl Serie Ordinaria n. 12 del 22/03/2011.
  • in forma autonoma :
    (solo se si è in possesso di PEC e di firma digitale).

Per utilizzare questa modalità si deve dotarsi obbligatoriamente:
 - di una casella di posta elettronica PEC (acquistabile sul mercato presso vari gestori, eventualmente anche acquisendo una casella gratuita su www.postacertificata.gov.it);
 - della firma digitale mediante un dispositivo, o smart-card, di firma digitale.


IMPORTANTE:
E’ bene ricordare l’importanza che assume ogni dichiarazione contenuta nella Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.). La S.C.I.A. è infatti espressione di dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto notorio e pertanto è soggetta alle conseguenze previste dagli artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000 in caso di dichiarazioni mendaci e formazione o uso di atti falsi. Risulta pertanto indispensabile, certificata nel caso di mancata conoscenza di una o più informazioni richieste nella S.C.I.A., rivolgersi agli Enti competenti con particolare riguardo alla conformità edilizia e urbanistica.

La SCIA presentata, completa e corretta,  prima dell'inizio (o della modifica, sospensione, ripresa, cessazione) dell'attività; accompagnata dalla ricevuta di avvenuto ricezione da parte del Comune, costituisce titolo necessario per intraprendere l'esercizio dell'attività e/o modificarla.
 
MODALITA' DI PAGAMENTO E IMPORTI DIRITTI DI SEGRETERIA AL COMUNE


L'effettuazione dei pagamenti dei diritti di segreteria o del contributo costo di costruzione dovrà essere effettuato presso la Tesoreria Comunale –  BANCO POPOLARE Soc. Coop. filiale di Carobbio degli Angeli (BG) - (fusione per incorporazione del Credito Bergamasco S.p.A.)  Via Marconi n. 8
Iban valido dal 22 settembre 2014: IT 49 P 05034 53960 000000003000 
- assegno circolare;
- bonifico bancario;
- contanti.
La Tesoreria non accetta assegni bancari.

NORMATIVA NAZIONALE
- D.P.R. 9 luglio 2010 n.159
- D.P.R. 7 settembre 20010 n.160,  pubblicato nella G.U. n. 229 del 30 settembre 2010
- D.L. 112/2008 art.38 convertito in Legge 6 agosto 2008 n.133
- L. 7 agosto 1990 n. 241
- L. 28 dicembre 200 n.445 -Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa
- D.L. 09/02/2010 n. 5

  NORMATIVA REGIONALE
- Testo coordinato del d.d.g. 18 marzo 2011 n.2481
- Circolare Regione Lombardia 21 marzo 2011  n. 3 
- L.R.L. n.8/2007 attuazione della L.R.L.n. 1/2007

Agg.Sett. 2015
 


Referenti
RESPONSABILE DELLO SPORTELLO
Geom. ONDEI DARIO
Tel. 035/4276204       Fax. 035/4276219
e-mail: uff.tecnico@comune.carobbio.bg.it
e-mail certificata: suap@pec.comune.carobbio.bg.it
 



ISTRUTTORE TECNICO
dott.TOSONI Ing.ILARIA
Tel. 035/4276225       Fax. 035/4276219
e-mail: uff.tecnico@comune.carobbio.bg.it
e-mail certificata: suap@pec.comune.carobbio.bg.it
 
REFERENTE PER LE PRATICHE EDILIZIE
Geom. ONDEI DARIO
Tel. 035/4276204   Fax. 035/4276219
e-mail: uff.tecnico@comune.carobbio.bg.it
e-mail certificata: suap@pec.comune.carobbio.bg.it
  

 REFERENTE PER LE PRATICHE COMMERCIALI
Geom. ONDEI DARIO
Tel. 035/4276204   Fax. 035/4276219
e-mail: uff.tecnico@comune.carobbio.bg.it
e-mail certificata: suap@pec.comune.carobbio.bg.it

 
 

Giorni e orari di ricevimento al pubblico


Martedì  dalle ore 10:00 alle ore 12:30.
Mercoledì dalle ore 14.00 alle 16.00.
Venerdì dalle 11.00 alle 12.00